Ph. Fabrizio Crippa

 

Una delle questioni più discusse nelle ultime settimane è stata la pulizia delle zampe. Ma è tutto vero ciò che abbiamo sentito in televisione? Abbiamo chiesto di fare chiarezza alla D.ssa Eleonora Piseddu, Medico Veterinario, Diplomato Europeo in Patologia Clinica.

 

È davvero una sana abitudine quella di pulire le zampe dei nostri cani al rientro a casa?

È una pratica necessaria per ostacolare e prevenire il diffondersi de Covid-19?

Al momento non sono disponibili dati scientifici che dimostrino la sopravvivenza di materiale virale sulle zampe di un cane che è venuto a contatto con asfalto o altra superficie contaminata da gocce di aerosol (tosse, starnuti, saliva) provenienti da una persona ammalata di Covid-19. Se l’igiene delle zampe del nostro cane ci preoccupa e pulirgli le zampe può farci stare più tranquilli, non c’è nessuna controindicazione nell’abitudine di igienizzare le zampe al ritorno da una passeggiata. In questo caso dobbiamo, però, avere la stessa cura nel pulire la suola delle nostre scarpe.

 

 

Ci può dare qualche consiglio in merito?

C’è una particolare prassi da seguire per pulire correttamente le zampe dei nostri Pet?

Dobbiamo partire dal presupposto che gli animali si leccano tutte le parti del corpo raggiungibili con la lingua. Di conseguenza non va mai utilizzata nessuna sostanza che possa avere azione irritante sulla mucosa della cavità orale o sulla superficie congiuntivale a causa dei vapori che si potrebbero sviluppare. Personalmente eviterei le soluzioni fai da te. In commercio esistono molti prodotti contenenti disinfettanti, come ad esempio l’ipoclorito di sodio, altamente diluiti e pronti all’uso. Questi prodotti, se usati in maniera corretta, sono ben tollerati.

Una buona alternativa a questi prodotti è l’utilizzo di sapone detergente, lo stesso che usiamo per l’igiene delle nostre mani. Il semplice sapone, infatti, è capace di disgregare lo strato lipidico che riveste il virus inattivandolo. Sia che si usino prodotti disinfettanti commerciali, sia che si usi semplice sapone è importante risciacquare bene le parti interessate e asciugare con cura, soprattutto tra gli spazi interdigitali e tra i cuscinetti plantari. Questa attenzione è estremamente importante perché l’aumento di umidità di tali spazi potrebbe indurre un’eccessiva proliferazione di lieviti e batteri con una conseguente dermatite.

 

 

Ci sono altre precauzioni che dobbiamo prendere per evitare che i nostri Pet si possano ammalare?

Ci può dare qualche consiglio a riguardo?

Come riportato sul portale della FNOVI (Federazione Nazionale Ordini Veterinari italiani) il principio di precauzione richiede che le persone malate di Covid-19 rispettino anche con gli animali che vivono in famiglia le misure di igiene previste per i conviventi: distanza di sicurezza, lavaggio frequente delle superfici e delle mani nonché protezione dai loro starnuti e dai colpi di tosse.

Dr.ssa Eleonora Piseddu, Medico Veterinario, Diplomato Europeo in Patologia Clinica

 

Ph. Fabrizio Crippa